Filippine: i nostri pro e contro

Xin chao!
Esatto, siamo in Vietnam, e precisamente ad Hanoi. Mentre sorseggiamo un delizioso egg coffee in un bar “segreto” a ridosso del lago Hoan Kiem abbiamo deciso di scrivere a caldo (beh…mica troppo, passare dai 30°C delle Filippine ai 10 di Hanoi è stato un vero shock) questo articolo per tirare le somme di quello che queste Filippine sono state per noi e condividerlo con voi.

Ok. Iniziamo con cosa non ci ha convinto di queste Filippine.

COF

Beh, il cibo innanzitutto. Per noi che amiamo scoprire il cibo locale durante I nostri viaggi, dobbiamo dire che le tradizioni culinarie filippine non ci hanno entusiasmato, anche perché la cucina filippina non ha una sua anima propria, ma è piuttosto una cucina fusion di piatti cinesi e occidentali, con gusto principalmente agrodolce. I pasti più tradizionali sono composti da riso bianco, uovo e carne: tanta tantissima carne, soprattutto maiale e pollo di cui viene mangiato praticamente tutto; interiora e grasso animale sono all’ordine del giorno.

Verdura pochissima se non addirittura assente. Per giorni non siamo riusciti a trovare della verdura e, se sei vegetariano, le Filippine potrebbero veramente metterti a dura prova, visto che pure le zuppe di verdure spesso sono preparate con brodo di pollo.

oznor

Nessun cibo ci ha particolarmente colpito, se non in senso negativo: prelibatezze locali ad esempio sono il Balut, un uovo di anatra, che viene bollito quando l’embrione è a 17 (su 21) giorni di gestazione e i “one day”, spiedini di pulcini nati appunto da un solo giorno. Non abbiamo mai avuto abbastanza fegato per assaggiarli quindi non possiamo darvi la nostra opinione a riguardo.


Un altro punto a sfavore è il costo della vita, che rispetto ad altri paesi del sud est asiatico non è di certo fra i più economici. Per darvi un’idea abbiamo mediamente pagato sui 10euro a notte per una stanza doppia con ventilatore (bagno talvolta condiviso e talvolta in camera, a seconda della zona in cui ci trovavamo) e circa 5 euro a pasto. Inoltre ci sono pochissime attività gratuite, visto che la maggior parte sono tour organizzati, o talvolta serve una barca, o dei permessi speciali per attraccare in determinate isole o per poter entrare in una laguna o in alcune zone di terra. Le attività ci sono costate una media di 15-30 euro l’una.

Ma ora basta con il negativismo, è tempo di esaltare i lati positivi di queste splendide isole.
Cosa ci è veramente piaciuto delle Filippine: beh, serve dirlo?

cof

Il mare è decisamente il più bello che abbiamo visto finora, splendide acque cristalline al cui interno si cela un mondo marino da capogiro! La barriera corallina, con le sue migliaia di pesci e tipi di coralli coloratissimi e dalle forme più disparate, vi lascerà senza fiato. Aggiungici spiagge bellissime a ridosso della giungla, arcipelaghi con centinaia di isolette tutte da esplorare e piccole baie incontaminate e il piatto è servito.
Se ti piace il mare devi assolutamente aggiungere le Filippine nella tua lista!
Mare a parte, anche i paesaggi degli entroterra sono davvero suggestivi, caratterizzati da vegetazione tropicale, ruscelli, cascate e formazioni montuose di origine vulcanica.
I colori e la vivacità delle Filippine non provengono solo dai panorami e dalla ricca flora e fauna, ma anche e soprattutto dalle persone. I filippini sono un popolo molto colorato, vivace e sempre in vena di far festa: dovunque si organizzano karaoke, nelle strade si sente spesso musica in stile latino-americano e vanno matti per il reggae. In un mese ci siamo imbattuti in parecchie feste di paese e sagre, specialmente nell’isola di Bohol, dove l’energia e il calore del popolo filippino raggiunge il suo apice (a parer nostro). Ogni persona in strada ci ha salutato con grandi sorrisi, spesso siamo stati intrattenuti con lunghe chiacchierate o siamo stati fermati per scattare una foto insieme a dei bambini fuori da una scuola o insieme ad una famiglia sul lungomare.


Un’altro aspetto decisamente positivo di questa nazione è che quasi tutti parlano un’inglese piuttosto fluente, o perlomeno un’inglese di base che rende la comunicazione con i locali molto facile, limitando notevolmente i fraintendimenti che possono sorgere chiedendo indicazioni, ordinando al ristorante o prenotando dei biglietti.
SPOILER: al contrario, in Vietnam questo è un grossissimo problema, e già in pochi giorni abbiamo ricevuto al tavolo ordinazioni sbagliate, abbiamo speso decine di minuti per rendere chiaro un concetto (il quale alla fine non veniva comunque recepito) e abbiamo avuto dei problemi per capire quale bus prendere.
Infine, un’altra cosa che ci ha piacevolmente colpito è stata l’attenzione verso l’ambiente: all’ingresso di alcune aree o villaggi viene richiesto il pagamento di un “eco tourism development fee”, una tassa ambientale di qualche decina di pesos (nei posti più turistici anche fino a 200php) che viene reinvestita interamente per la salvaguardia ambientale e la pulizia delle spiagge e del mare. E il risultato è evidente! Le spiagge sono pulitissime, così come le acque e le strade. Non pesa di certo pagare qualche euro in più, se questo può contribuire a mantenere l’ambiente più pulito.

Direi che con questo abbiamo ufficialmente concluso il capitolo Filippine: vi abbiamo raccontato le nostre avventure/disavventure, vi abbiamo parlato dei trasporti, della splendida isola di Palawan e dell’adrenalinico canyoning alle Kawasan Falls.
Ora siamo pronti a vivere e condividere questa nuova avventura: Vietnam here we are!

Filippine: i nostri pro e contro ultima modifica: 2018-03-15T08:29:02+00:00 da The Back Pachers
The Back Pachers
The Back-Pachers nasce da un idea, un sogno, un progetto di Andrea Pacher e Veronica Franchi di raccontare in questo blog le loro avventure nel sud est asaitico e in India. Lui biotecnologo, lei ostetrica, entrambi residenti nella caotica metropoli londinese. Da sempre curiosi e desiderosi di espandere I propri orizzonti, dopo qualche anno di vita frenetica nella capitale inglese, ha iniziato ad alimentarsi in loro il desiderio di viaggiare e di scoprire nuovi paesi e culture, di prendere una pausa dagli oneri della vita occidentale e di vivere insieme, questo viaggio.
The Back Pachers

Latest posts by The Back Pachers (see all)

I quattro speroni di Santorini: Oia

Next Story »

Levico Colle e Forte delle Benne

La sai l’ultima?

  • Torna la magia dei Castelli diVini

    4 giorni ago

    Il primo incontro è in programma venerdì 22 giugno in Vallagarina, a Castel Noarna, maniero che risale al 12° secolo e fu dimora prima dei Castelbarco e poi, ...

    Read More
  • Vespa Raduno all’Hilberkeller

    4 giorni ago

    Share this on WhatsAppTerzo Vespa raduno Vespa raduno all’Hilberkeller a Caines presso Merano IL Programma: Inizio: ore 10.30 con bevuta mattutina ore 14.30 Giro turistico ore 16.30 ...

    Read More
  • Wiki Loves Earth arriva in Italia dall’1 al 30 giugno

    4 giorni ago

    La prima edizione si è svolta in Ucraina nel 2013 con il risultato di 9.708 fotografie raccolte del patrimonio ambientale ucraino. Dal 2014 il concorso ha iniziato ...

    Read More
  • Orbita, tutto intorno alla musica

    7 giorni ago

    OPEN EVENT ORBITA Impact Hub a Trento – via Sanseverino 95 19 e 20 maggio 2018

    Read More
  • Ortinparco 2018 | Levico Terme dal 21 al 25 aprile 2018

    1 mese ago

    Ortinparco avrà luogo nel più importante parco della Provincia di Trento, simbolo della città termale di Levico Terme, un parco asburgico che copre un’area di 12 ettari ...

    Read More
  • Le Cirque World’s Top Performers

    2 mesi ago

    Sarà un grande debutto al Palasport di Bolzano, il pubblico avrà l’opportunità di vedere per la prima volta insieme artisti di grandissimo talento che si esibiranno nei ...

    Read More
  • Chocomusic: la Pasqua sposa il gusto a Riva del Garda

    2 mesi ago

    Dal 30 marzo al 2 aprile la quinta edizione di una festa da vivere tra dolcezza e divertimento. Ricco il programma degli appuntamenti: cooking show, lezioni, il ...

    Read More
  • Cosa cerchi?

    More
    X