4 ANNI DI TERRORE IN CAMBOGIA: GLI ANNI DEL REGIME DI POL POT

In questo agghiacciante capitolo non vogliamo raccontarvi una nostra storia, bensí la triste storia del popolo cambogiano durante il regime dei Khmer rossi guidati da Pol Pot.

Durante i suoi quattro anni al potere, dal 1975 al 1979, vennero uccise circa 2 milioni di persone, accusate di essere un ostacolo per lo sviluppo della nazione o traditori del partito.

Una storia purtroppo non molto conosciuta nel mondo occidentale.

Durante la nostra breve permanenza nella capitale Phnom Penh, abbiamo deciso di andare a visitare i due simboli principali di questo genocidio: la prigione di Tuol Sleng (o S21), dove tutti coloro giudicati colpevoli di tradimento vennero incarcerati e torturati, e le fosse comuni (o killing fields) di Choeung Ek, dove gli stessi, dopo esser stati costretti a confessare dei crimini mai commessi, venivano giustiziati e sepolti.

Ma iniziamo dal giorno in cui questo regime del terrore ebbe inizio: il 17 aprile 1975, dopo aver sconfitto il generale Lon Nol in una violenta guerra civile dove persero la vita 156 mila persone, l’esercito dei Khmer Rossi veniva accolto con gioia in una Phnom Penh speranzosa in una rinascita dopo la devastazione causata da combattimenti e bombardamenti americani (stime riportano che siano state sganciate sulla sola Cambogia più bombe di quante ne siano state sganciate durante tutta la Seconda Guerra Mondiale). Ahimè, non fu così. I Khmer rossi guidati dal loro leader Pol Pot, nel giro di 72 ore costrinsero tutti gli abitanti della capitale ad abbandonare le proprie case e a dirigersi verso le campagne: secondo la loro mentalità estremista-comunista, l’unico vero lavoro nobilitante era quello agricolo e edilizio. Per questo motivo luoghi di culto, banche, scuole e luoghi di svago come cinema e stadi vennero distrutti o utilizzati come magazzini o come prigioni dal regime, e al loro interno centinaia di migliaia di persone vennero torturate e persero la vita. Prigionieri di questi luoghi furono principalmente artisti, medici, banchieri, ingegneri, intellettuali, scienziati, insegnanti e tutte quelle professioni di cultura. La cultura infatti, era nemica del “Regime Democratico della Kampuchea”, e per questo doveva venir estirpata.

Negli anni successivi, chiunque fosse sospettato di essere un traditore, un cospiratore o un pericolo per il regime, membri del partito e soldati khmer inclusi, doveva essere interrogato e, se giudicato colpevole dall’Angkar (letteralmente ”l’organizzazione”, cioè il partito), doveva essere punito.

cof

La prigione di Tuol Sleng è solo una delle tante presenti in Cambogia durante quegli anni, ma qui vennero imprigionate e torturate circa 20,000 persone: di queste, solo 14 sopravvissero. Ai prigionieri venivano assegnate delle celle minuscole, di circa un metro per due, o addirittura venivano ammanettati assieme ad altre decine di persone in uno stanzone comune. Venivano picchiati giorno e notte se non rispondevano prontamente ad una domanda, se durante la notte si muovevano nel sonno facendo tintinnare le catene o se urlavano durante le torture. Queste consistevano in svariate atrocità, quali: annegamento controllato, causare infezioni delle ferite inserendovi insetti, scariche elettriche, amputazione controllata di vari arti, fustigazione.
Lo scopo della tortura era solo uno: estorcere la confessione al traditore. Spesso veniva chiesto loro di fare nomi di collaboratori, di agenti della CIA, di altri traditori, nonostante l’interrogato in questione fosse un povero lavoratore della provincia che neanche conosceva il significato della parola CIA.

Compito dell’aguzzino era inoltre quello di tenere in vita il prigioniero fino al momento della confessione. Quest’ultimo veniva addirittura curato se in fin di vita, per poter continuare la tortura il giorno successivo. Le cure, poiché tutti i medici erano stati già giustiziati, venivano somministrate da ragazzi senza un minimo di conoscenze mediche, i quali si limitavano a versare sale sulle ferite e a offrire ai pazienti la cosiddetta “Vitamina C”, che non era altro che un miscuglio di zucchero, farina e aceto.

Una volta estorta la confessione, il prigioniero finiva di essere utile e andava eliminato. Veniva quindi bendato e caricato su di un camion alla volta di Choeung Ek, circa 12 km a sud-ovest. Li veniva fatto denudare e inginocchiare sul bordo di una fossa comune, dove la sua vita terminava con un colpo in testa inflitto tramite un manganello, un’ascia o una spada. I proiettili non venivano usati in quanto costosi e rumorosi: avrebbero destato l’attenzione degli abitanti dei villaggi vicini.

Come sottofondo, una musica propagandistica veniva riprodotta da altoparlanti senza sosta. Lo scopo? Coprire gli urli e i gemiti dei condannati.
Inizialmente poche decine di persone a settimana venivano condotte alle fosse comuni per essere giustiziate, ma nell’ultimo anno del regime i camion arrivavano a scaricare fino a 300 persone a settimana.

Quando il governo di Pol Pot fu destituito, grazie ad un’alleanza fra vietnamiti e oppositori cambogiani nel 1979, le fosse vennero scoperte, e quello che vi trovarono fu agghiacciante: in ogni fossa centinaia di scheletri e corpi in putrefazione, di uomini, donne e bambini, alcuni addirittura decapitati.

Camminare nei corridoi della prigione di Tuol Sleng, così come tra le fosse di Choeung Ek è un’esperienza davvero toccante, in cui si percepisce la sofferenza e la disperazione che queste innocenti persone devono aver provato durante quei quattro terribili anni.

Questa storia, la storia del genocidio del popolo cambogiano perpetrata da Pol Pot e dai Khmer rossi è solo una delle tante dimenticate dal mondo occidentale, così come le guerre civili in Africa, le dittature in America latina durante la guerra fredda, il massacro compiuto da Stalin in Unione Sovietica, e molte altre ancora.

Il nostro compito in quanto cittadini del mondo è quello di mantenere viva la memoria, di creare consapevolezza di ciò che è stato e degli errori commessi in passato dal genere umano per evitare, si spera, che questi vengano ripetuti.

4 ANNI DI TERRORE IN CAMBOGIA: GLI ANNI DEL REGIME DI POL POT ultima modifica: 2018-05-04T12:16:45+00:00 da The Back Pachers
The Back Pachers
The Back-Pachers nasce da un idea, un sogno, un progetto di Andrea Pacher e Veronica Franchi di raccontare in questo blog le loro avventure nel sud est asaitico e in India. Lui biotecnologo, lei ostetrica, entrambi residenti nella caotica metropoli londinese. Da sempre curiosi e desiderosi di espandere I propri orizzonti, dopo qualche anno di vita frenetica nella capitale inglese, ha iniziato ad alimentarsi in loro il desiderio di viaggiare e di scoprire nuovi paesi e culture, di prendere una pausa dagli oneri della vita occidentale e di vivere insieme, questo viaggio.
The Back Pachers

Latest posts by The Back Pachers (see all)

VOLA AL MUSE!

Next Story »

“Berlino amore e stupore” – Una città raccontata da chi la vive nella quotidianità

La sai l’ultima?

  • RUGGERO de I TIMIDI Prima assoluta del nuovo “GIOVANI EMOZIONI TOUR”

    22 ore ago

    RUGGERO de I TIMIDI Prima assoluta del nuovo “GIOVANI EMOZIONI TOUR” RUGGERO DE I TIMIDI e la sua orchestra il 7 ottobre 2018 saranno a Trento e la Baviera ...

    Read More
  • Big Bang Passion! Dai non pensarci nemmeno, vieni!

    2 settimane ago

    La Tap Room vi ricordiamo essere aperta dal lunedì al sabato dalle 17 e che i fine settimana (giovedì – venerdì – sabato) ad attendervi c’è un ...

    Read More
  • Una presentazione di “PRIMA SCELTA” al Mas dela Fam con Cavit Trento

    2 settimane ago

    Luci, suoni, colori e bollicine, un evento enogastronomico unico, nella cornice del Mas dela Fam location esclusiva e panoramica immersa tra le vigne. Con questa inaugurazione daremo inizio ...

    Read More
  • #07_09: BayBoscFEST – Comincia il mese della birra in Trentino!

    3 settimane ago

    Venerdì 7 settembre a partire dalla ore 19.30 ti aspetta una serata all'insegna della buona birra, tanta musica e bella gente! Non fartelo raccontare!

    Read More
  • Festivolare – l’Air Show del Trentino

    3 settimane ago

    Festivolare è l'unico Air Show del nord Italia che si svolge in un aeroporto e che permette quindi ai partecipanti di conoscere un luogo della città che ...

    Read More
  • AlpenFEST – Un Evento da non perdere!

    4 settimane ago

    Share this on WhatsAppQuesta sera, in Valle di Fiemme, inizia l’attesissima 25° edizione della Sagra di San Bartolomeo – ALPENFEST! Il programma che durerà fino a domenica ...

    Read More
  • #NOVE08 – Bollicine al TRAMONTO

    2 mesi ago

    #nove08 - Bollicine al tramonto ti aspetta nella splendida cornice di Maso Franch con le bollicine SALISA di Villa Corniole e la musica di Christian Verdes

    Read More
  • Cosa cerchi?

    More
    X