fbpx

CHILLING IN CAMBOGIA

Dopo la volata sul Vietnam, sempre di corsa, spesso dormendo su nightbus sballonzolanti o in scomodi letti a castello nel caotico ostello di Ho Chi Minh, avevamo bisogno di qualche giorno di tregua. La Cambogia per fortuna è accorsa in nostro aiuto.

Prima tappa della nostra avventura in terra Khmer è stata Kampot, una cittadina sulla costa meridionale. Rinomata per il suo clima rilassato, con numerose alloggi in stile coloniale in centro, o guesthouse più alternative che offrono bungalows di legno in riva al fiume, Kampot è il posto giusto per staccare la spina.

Appena arrivati abbiamo trovato una stanza in una delle tante guesthouse in riva al fiume, con tanto di bar e tavolini sul pontile dal quale era anche possibile tuffarsi. Il tutto per 6 euro a notte: che goduria!

La cittadina, che si gira facilmente in bicicletta, offre una varietà di ristoranti e street food a prezzi modici, e spesso di qualità. Dobbiamo assolutamente consigliare il ristorante-bancarella Ciao! dove Diego prepara a mano e sul momento tagliatelle, gnocchi, ravioli e pizza, per non parlare delle polpette fatte secondo la ricetta della nonna abruzzese. A volte si aspetta anche fino ad un’ora e mezza, ma per assaporare del vero e delizioso cibo italiano dopo mesi di curry, salsa di soia e salsa agrodolce questo ed altro!

A proposito di cibo, vogliamo mettervi in guardia su una cosa: nei menù cambogiani la parola “happy” davanti a pizza o frullati non vuol dire che vi viene servita dal cameriere col sorriso, ma bensì che la pietanza è stata preparata usando olio, burro o latte infuso con marijuana. Se cercate lo sballo buon per voi, ma in caso contrario meglio saperle in anticipo queste cose, prima di trovarsi fatti come le pigne per 5-6 ore senza capire il perché.

Nei dintorni di Kampot vi sono svariate escursioni da fare in motorino, che può essere noleggiato per 4-5 euro al giorno: noi abbiamo deciso di spendere una giornata a visitare Bokor National Park. La “cavalcata” in scooter fra i tornanti è molto divertente ma il parco non è nulla di che: vuoi perché essendo la stagione secca le cascate erano un rivolo d’acqua, vuoi perché i cinesi hanno comprato metà collina per costruire obrobriosi hotel sulla sommità, Bokor non ci ha entusiasmato per nulla.

Un altro giorno invece l’abbiamo speso a Kep, cittadina a poche decine di chilometri, rinomata per il mercato del granchio. Per 6 dollari si può acquistare un chilo di granchi freschi che verranno cucinati per altri 2 dollari in una salsa aromatizzata al pepe di Kampot: non esageriamo dicendo che è stato probabilmente il piatto più buono assaggiato finora!

Nel pomeriggio abbiamo poi visitato una piantagione di pepe sviluppata secondo i principi della permacultura dove abbiamo assaggiato/annusato vari tipi di pepe e imparato alcune tecniche di coltivazione.

Dopo aver speso 4 giorni a Kampot ci siamo spostati a Sihanoukville, una città interamente in mano a imprese di costruzione cinesi. Si salva (forse ancora per qualche anno) la graziosa Otres Beach, una strada sterrata lunga qualche chilometro su cui sorgono ostelli e locali dove è possibile fare le ore piccole: Andrea è riuscito a ottenere un’ora di djset nella line up dello Psychedelic Friday party al Last Hippie Standing bar, e ha deliziato i presenti con dell’ottima psytrance al momento dell’alba (a scrivere questo è ovviamente Andrea che non perde mai occasione di auto-elogiarsi J).

Ad Otres beach ci hanno raggiunto anche un amico francese conosciuto a Londra e una ragazza norvegese, quindi si è deciso di spostarsi su una delle isole: ma quale scegliere?

Al largo di Sihanoukville vi sono svariate isole, tuttavia l’indecisione era fra tre: Koh Ta Kiev, Koh Rong e Koh Rong Samloem. La prima è ancora poco sviluppata, vi è corrente elettrica per qualche ora al giorno, vi sono poche guesthouse: decisamente un’esperienza interessante, ma non era quello che andavamo cercando.

Koh Rong invece è considerata una party island, con discoteche, bar e feste tutte le sere: questa opzione per noi era decisamente troppo caotica.
Si è quindi deciso che Koh Rong Samloem sarebbe stata la nostra tappa successiva! L’isola si raggiunge con un traghetto veloce che costa 22 dollari per andata e ritorno, e il ritorno è libero: basta decidere 12 ore prima della partenza e informare la biglietteria. Molto comodo nel caso che, come è successo a noi, si rimanga stregati dalla bellezza dell’isola e si decida di restare qualche giorno in più (alcuni rimandano la partenza anche di mesi!)

A Koh Rong Samloem vi sono svariate baie in cui è possibile alloggiare; tutti gli alloggi sono ubicati lungo la costa poiché il centro è dominato da una fitta giungla, per niente facile da attraversare. Noi abbiamo scelto di stare a M’Pai Bay, un villaggio di pescatori dove da qualche anno sono spuntate anche guesthouse e alloggi per i backpackers. Il clima nel villaggio è assolutamente rilassato, con solo un party hostel appena fuori dalla zona abitata; le spiagge limitrofe, alcune a pochi passi altre raggiungibili attraverso una camminata sugli scogli e nella giungla, sono splendide e l’acqua è limpidissima: è possibile fare snorkeling e diving a pochi metri dalla riva e la notte si può ammirare il plankton brillare sotto acqua. Uno spettacolo emozionante!

L’unico problema è dato dalle correnti che ahimè portano a riva tonnellate di immondizia gettata nella vicina Koh Rong o Sihanoukville: vi sono molti servizi di volontariato e alcune guesthouse offrono una birra omaggio in cambio di un sacchetto pieno di rifiuti. In questo modo si può contribuire a tenere l’isola pulita gustandosi poi, come piccola ricompensa, una Klang Beer ghiacciata in riva al mare.

Oggi è l’ultimo giorno in quest’angolo di paradiso poiché i nostri amici devono tornare sulla terraferma e noi dobbiamo proseguire il viaggio, ma lasciamo un pezzo di cuore in quest’isola idilliaca sperando, nel caso di una visita futura, di ritrovarlo ancora libero e felice nella giungla e nelle acque cristalline, e non sommerso dai rifiuti o dal cemento.

CHILLING IN CAMBOGIA ultima modifica: 2018-04-30T09:42:41+01:00 da The Back Pachers
The Back Pachers
The Back-Pachers nasce da un idea, un sogno, un progetto di Andrea Pacher e Veronica Franchi di raccontare in questo blog le loro avventure nel sud est asaitico e in India. Lui biotecnologo, lei ostetrica, entrambi residenti nella caotica metropoli londinese. Da sempre curiosi e desiderosi di espandere I propri orizzonti, dopo qualche anno di vita frenetica nella capitale inglese, ha iniziato ad alimentarsi in loro il desiderio di viaggiare e di scoprire nuovi paesi e culture, di prendere una pausa dagli oneri della vita occidentale e di vivere insieme, questo viaggio.

VIETNAM: PRO E CONTRO

Next Story »

VOLA AL MUSE!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • "Non chiamatela Amazon trentina": ecco come sarà la piattaforma dell'e-commerce del territorio 21 Gennaio 2021
    Acquistare online, dal proprio negozio, e consegna entro un'ora La piattaforma dell’e-commerce trentina nasce all’insegna della concorrenza tra i due colossi associativi: Federazione trentina della cooperazione da un alto, con il progetto “Indaco”, e Confcommercio Trentino, con il progetto “Traces”, dall’altro. Saranno questi due progetti (l’Adige di ieri, ndr) a contendersi il milione di euro […]
    Zoppello
  • Prova estrema su Tik Tok: bimba di 10 anni in coma per la "challenge" del social 21 Gennaio 2021
    Si è legata la cintura alla gola per partecipare su TikTok, uno dei social più seguiti dagli adolescenti, a Black out challenge, una prova di soffocamento estremo. Una prova che si è trasformata in tragedia.  Una bimba di 10 anni si trova ricoverata da ieri in rianimazione all'ospedale "di Cristina" di Palermo dove è arrivata, […]
    Zoppello
  • Nuovo contenzioso con Roma: il governo impugna la legge sulle concessioni idroelettriche 21 Gennaio 2021
    Nuovo contenzioso fra lo Stato e la Provincia autonoma di Trento.  Il Governo ha presentato ricorso alla Corte costituzionale contro la legge provinciale 9 del 2020 della Provincia autonoma di Trento sulle concessioni di grandi derivazioni d’acqua a scopo idroelettrico, in quanto considerata incostituzionale.La normativa trentina impugnata da Roma, che ha modificato la legge provinciale […]
    Zoppello
  • Val di Fiemme, i cervi scendono a valle tutti insieme 21 Gennaio 2021
    Uno spettacolo emozionante: un branco di cervi sceso a valle, in cerca di cibo per via delle abbondanti nevicate. Siamo a Bellamonte, in val di Fiemme, e a filmare i cervi è stata Claudia Varesco, appassionata "custode" delle bellezze della valle e titolare di un negozio di articoli sportivi proprio a Bellamonte.
    r.moser@ladige.it
  • Covid, in Alto Adige sette decessi, più di 12 mila in quarantena 21 Gennaio 2021
    Sette decessi e 566 nuovi casi: sono questi i dati aggiornati delle ultime 24 ore in Alto Adige.I laboratori dell’Azienda sanitaria hanno analizzato 2.767 tamponi pcr registrando 272 casi di positività, ai quali vanno aggiunti 294 test antigenici positivi.Nei normali reparti ospedalieri si trovano 226 pazienti covid, nelle cliniche private 155 e in terapia intensiva […]
    Zoppello
X