A MARZO NELL’ORTO

Il tepore delle giornate di sole invogliano a stare all’aria aperta. Ma i repentini possibili cambi di temperatura frenano i lavori a Marzo nell’orto.

 Eppure cosa c’è di più rilassante del mettere le mani nella terra e coltivarsi qualche ortaggio o frutto?. Nelle campagne si vedono già i primi lavori di preparazione per le future semine, ma è ancora presto per esporre le piantine agli sbalzi termici e ai freddi della nostra latitudine.

Questo è differente per l’orto in balcone e terrazzo. Qualora si sia provveduto a creare il proprio semenzaio, si vedranno i primi virgulti. In quanto a Marzo nell’orto è davvero presto per seminare in Trentino.

Dovrebbero iniziare a germogliare le piantine zucchine dopo un buon mese e mezzo dalla semina. Anche il prezzemolo dovrebbe mostrare piccoli teneri virgulti e, se si è scelta la posizione giusta in casa, anche i pomodori potrebbero aver fatto germogliare le prime foglioline. Così anche le cipolle potrebbero far intendere che stanno germogliando.

Per cui si dovrà avere pazienza e continuare ad innaffiare in modo graduale e costante, senza abbondare, terra e germogli.

Nell’attesa che il semenzaio dia i suoi frutti, è il momento per procurarsi i vasi, la terra, le fioriere e immaginare la disposizione del balcone o terrazza. Il prossimo passo infatti sarà quello del trapianto della piantina in vaso. Di qui poi il posizionare il tutto all’esterno. Ma ci vuole ancora qualche mese. A determinare il tutto ovviamente sarà il clima meteorologico. A Marzo nell’orto potrebbe ancora cadere qualche giocco di neve o subire una gelata che vanificherebbe il lavoro.

Qualora non lo si fosse fatto ancora ovviamente è arrivato il momento di seminare in semenzaio, basilico, cetriolo, fagioli, melanzane, peperoni, pomodoro, zucca e zucchine.

Ma, se si adotta il semenzaio in casa, allora si potrà seminare di tutto a gusto proprio. Ovviamente, qualora le semine non siano andate a buon fine, si farà sempre in tempo a comprare le piantine già pronte nei negozi specializzati. Ma si perderebbe la soddisfazione di aver fatto tutto da se.

Non solo verdura, si potrebbe anche seminare in vasi da tenere in casa fino a quando la stagione non sarà più mite piante da fiore. Fra quelle consigliate si potrebbe sbizzarrirsi, così da dare una nota di colore e richiamare anche gli insetti per l’impollinazione dei fiori degli ortaggi, calendule, petunie, bocche di leone, garofani, tagete, primule e violette.

Sul nostro balcone poi potremmo anche prevedere dei vasi di fragole o fragoline. Partire dai semi ora potrebbe non dare grande soddisfazione entro l’estate, per cui magari ci si dovrà rifornire di piantine già formate, così da poter gustare le fragole a maggio e giugno. Tuttavia anche seminare in un vaso semi di fragola è un buon investimento per gustare frutti dalla pianta sul proprio balcone.

L’alternativa potrebbe essere quella di aspettare la primavera inoltrata, inizio estate, e raccogliere le fragoline nel bosco durante una bella passeggiata. Salvandone alcune si potranno portare a casa e mettere nella terra di un vaso dove sarà molto probabile veder spuntare almeno una piantina.

Stesso consiglio per le fragole comprate al supermercato. I semi infatti sono quei piccolissimi puntini scuri sul frutto. Ognuno di essi è un seme per una possibile nuova pianta. Le piante poi spontaneamente si propagano. Per cui è meglio scegliere delle vaschette e non i classici vasi da fiore per mettere a dimora piante di fragola.

Infine marzo è il mese ideale per preparare l’angolo delle erbe aromatiche. Per cui è il momento per seminare prezzemolo, basilico, finocchietto, salvia, timo, rosmarino e origano, ma anche erba cipollina e mentuccia. Partendo dal seme in qualche mese si potrebbe avere il primo raccolto profumato e genuino.

Info autore /