fbpx

DON DET

Da una settimana in Laos e già abbiamo un articolo fresco fresco per voi!

Prima tappa della nostra avventura laotiana è Don Det, un Isola sul Mekong al confine con la Cambogia. Don Det non è l’unica Isola in questa zona, ve ne sono migliaia: non per niente quest’area del Laos è conosciuta col nome (probabilmente esagerando) di 4000 isole, o Si Phan Don, in lingua locale.

Alle prime luci dell’alba abbiamo lasciato la Cambogia su un autobus scricchiolante che ci ha portato, attraverso una strada sterrata e dissestata fino alla frontiera con il Laos.

oznor

Alla frontiera un uomo si è offerto di sbrigare la burocrazia per ottenere il visto al posto nostro per “soli” 10 dollari: no grazie! Quindi zaino in spalla e via a piedi verso la dogana. In pochi minuti abbiamo compilato i documenti richiesti, abbiamo pagato l’importo necessario per ottenere il visto (per gli italiani corrisponde a 35$, più 2$ per il timbro e 2$ per l’uscita dalla Cambogia) e siamo entrati in Laos, risparmiando 10$. Questo processo è molto semplice e veloce, per cui non credete al “funzionario” che vi promette questo servizio, dicendovi che il processo è lungo, che la dogana chiude dalle 13.00 alle 17.00 e che vi toccherà aspettare 4 ore, o chissà quale altra fantasia per spingervi a pagarlo per ottenere il vostro visto. Dalla frontiera a Don Det sono solo pochi chilometri di autobus e circa 10 minuti di traghetto.

Questa graziosa isoletta è una tappa piuttosto comune per i backpackers che transitano dal confine cambogiano e per questa ragione l’isola offre svariati tipi di alloggi, da capanne di paglia in riva al fiume, a guesthouse in legno, a veri e propri resort di classe; Inoltre vi sono numerosi ristoranti che propongono cucina occidentale, indiana, vietnamita e ovviamente laotiana.

L’isola sostanzialmente si divide in due “sides”: il Sunset side, più alternativo, con svariati reggae bar lungo il fiume, ma anche più rumoroso a causa del traffico di barca nel canale, e i bungalow su quel lato a mezzogiorno sono dei forni. L’altra invece è il Sunrise side, più tranquillo, seppur meno vivace. Dopo una breve perlustrazione abbiamo trovato una graziosa guesthouse sulla Sunrise side in riva al fiume, gestita da un’amorevole vecchietta che non capiva una parola in inglese e rispondeva solo il laotiano ad ogni domanda, per la ridicola cifra di 40.000 laotian kip, cioè 4 euro (10.000kip = 1 euro).

Credeteci, svegliarsi all’alba per fare yoga e leggere nell’amaca mentre il sole sorge dietro il tempio buddhista antistante è un’emozione unica!!

Attività principali sull’isola sono il tubing, il rafting, esplorare l’entroterra in sella ad una bicicletta per niente adatta a quel tipo di strade (interamente sterrate e piene di buche) e le svariate cascate che circondano la vicina isola di Don Khon, collegata a Don Det tramite un ponte panoramico sul Mekong. Aahh, quasi dimenticavamo un’ altra attività: ammirare i rarissimi delfini di fiume, presenti solo in quest’area di confine fra Cambogia e Laos.

Per fare quest’esperienza vi sono numerosi tour organizzati, ma l’opzione più avventurosa e economica è quella di noleggiare una bicicletta e pedalare attraverso tutta Don Det e Don Khon fino all’estrema punta sud dell’isola e contrattare con il barcaiolo una cifra onesta per portarvi al confine cambogiano ad ammirare questi fugaci mammiferi acquatici al tramonto. ATTENZIONE: sulla via del ritorno al primo bivio restate a sinistra, altrimenti vi ritroverete in un sentiero strettissimo nella giungla e dovrete attraversare tre ponti davvero instabili e pericolosi. Noi, ignari dell’insidia incombente, al bivio abbiamo tenuto la destra e, credetemi, l’ora seguente non è stata per niente piacevole. Spingere la bici cercando ci restare in equilibrio su delle assi scricchiolanti e mezze marce, o sulle vecchie rotaie divelte che passano sopra ad un piccolo burrone ricoperto di giungla non è esattamente quello che una madre vorrebbe sentirsi raccontare dal figlio durante una conversazione su Skype…

 

Esperienza traumatica a parte, le due isolette sono davvero molto graziose, le cascate sono piuttosto imponenti e creano delle piscine naturali dove è possibile sguazzare per contrastare il caldo torrido, vi sono parecchi villaggi di locali alle prese con la loro vita quotidiana, templi buddhisti che ti svegliano all’alba con le loro preghiere mattutine, il cibo è molto buono e a prezzi piuttosto contenuti, e una bottiglia da 66cl di Beerlao costa solo 1 euro!!!

Don Det è un posto che rimane impresso per la sua atmosfera generale di relax, gli incontri con altri viaggiatori nei bar e ristoranti, per le magiche albe e i rossissimi tramonti sul fiume. Se quello che cercate è un piccolo break dalle giornate passate a visitare templi o dal caos delle città e dal traffico, allora Don Det è quello che fa per voi, scegliete un bel libro da leggere mentre vi dondolate su di un amaca, e dedicate del tempo a voi stessi e alla vostra serenità.

DON DET ultima modifica: 2018-06-09T09:31:19+01:00 da The Back Pachers
The Back Pachers
The Back-Pachers nasce da un idea, un sogno, un progetto di Andrea Pacher e Veronica Franchi di raccontare in questo blog le loro avventure nel sud est asaitico e in India. Lui biotecnologo, lei ostetrica, entrambi residenti nella caotica metropoli londinese. Da sempre curiosi e desiderosi di espandere I propri orizzonti, dopo qualche anno di vita frenetica nella capitale inglese, ha iniziato ad alimentarsi in loro il desiderio di viaggiare e di scoprire nuovi paesi e culture, di prendere una pausa dagli oneri della vita occidentale e di vivere insieme, questo viaggio.

“OLTRE LE MURA” Presentata la 35^ edizione delle Feste Vigiliane

Next Story »

LUANG PRABANG FRA TEMPLI, VOLONTARIATO E PISTOLE AD ACQUA

  • Sedici morti in Alto Adige, aumentano anche i ricoveri ed i nuovi contagi 3 Dicembre 2020
    Ancora 16 decessi Covid in Alto Adige. I laboratori dell’Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.719 tamponi pcr e registrati 374 nuovi casi positivi, mentre sono 86 i nuovi casi tramite test antigenici. Torna a salire il numero dei ricoveri 280 (ieri 273) persone con Covid-19 sono ricoverate nei normali reparti ospedalieri, 148 […]
    Zoppello
  • Ianeselli sfida Fugatti: "Le mascherine mettiamole sempre, facciamolo per gli anziani e per chi lavora negli ospedali" 3 Dicembre 2020
    Dal sindaco un invito a non ascoltare l'ordinanza della Provincia «Una mascherina può davvero fare la differenza. Gli esperti ce l’hanno detto e ripetuto: mettiamola sempre, in tutte le occasioni, per impedire al virus di circolare. In fondo, tra tutte le limitazioni di questi mesi, quella di indossare la mascherina non è stata certo la […]
    Zoppello
  • La SVP prova il blitz in Regione: bloccato un emendamento per l'aumento dei vitalizi 3 Dicembre 2020
    E' stato stoppato il "colpo di mano" della SVP che ieri in Consiglio Regionale aveva riproposto l'aumento dei vitalizi dei consiglieri regionali con un emendamente. Josef Noggler tenta il blitz sui vitalizi, ma poi decide di ritirare l’emendamento, da lui inserito di soppiatto nella Legge Regionale di Stabilità, col quale proponeva di caricare sui cittadini […]
    Zoppello
  • Le spacca la faccia a testate: arrestato un contadino trentino per violenze alla moglie 3 Dicembre 2020
    Era già stato ammonito due volte per violenza domestica in famiglia La Squadra Mobile della Questura di Trento ha arrestato un piccolo imprenditore agricolo trentino di 39 anni, perché negli ultimi quattro anni ha più volte malmenato e vessato, fisicamente e psicologicamente, la sua compagna, una donna trentina di 30 anni, madre di quattro figli […]
    Zoppello
  • Il Comune non fa l'albero? Ecco la mamma di Sdruzzinà che sfida il sindaco con l'home made 3 Dicembre 2020
    Quasi 200 mi piace e 155 commenti ne hanno fatto il “post” più chiacchierato del 2020. È dai social che rimbalza la piccola storia di Natale che da lunedì fa discutere la comunità di Ala. Tutto è partito dal commento di una mamma di Sdruzzinà (una quarantina di residenti): una lettera in cui chiede al […]
    Zoppello
X