fbpx
  • Page Views 2099

Bandiera BLU d’Europa ai laghi di Levico e Caldonazzo!

Riconfermata anche per il 2015 la bandiera BLU d’Europa ai laghi di Levico e Caldonazzo!

Unici specchi lacustri del Trentino Alto Adige, i Laghi di Levico e Caldonazzo – rappresentati da una delegazione locale – hanno ottenuto ieri a Roma il prestigioso riconoscimento internazionale della Bandiera Blu d’Europa, a conferma dell’impegno della Valsugana nella promozione di un turismo all’insegna della sostenibilità.

Dopo una prima assegnazione al Lago di Levico nel 2013 e ad entrambi i Laghi di Levico e Caldonazzo nel 2014, anche durante l’estate 2015 la Bandiera Blu d’Europa sventolerà sulle spiagge della Valsugana a dimostrazione della qualità delle acque e dei servizi a disposizione degli ospiti sulle spiagge e nelle località rivierasche.

La Bandiera Blu d’Europa è un eco-label volontario di certificazione della qualità ambientale, che viene assegnato ogni anno dalla Fee Foundation of Environmental Education (organizzazione internazionale non governativa e no-profit con sede in Danimarca) in 41 Paesi alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio, sensibilizzando quindi le scelte politiche verso la cura e l’attenzione all’ambiente.

Laghi da Bandiera Blu! Balneabili da maggio a settembre, i laghi di Levico e Caldonazzo sono una meta particolarmente apprezzata dai numerosi turisti, provenienti da tutta Europa, che scelgono la destinazione per trascorrere una vacanza rilassante, praticare sport acquatici (tra cui canoa, sci nautico, vela e stand up paddling), pedalare lungo la ciclabile della Valsugana e fare escursioni nella vicina catena del Lagorai.

Per il soggiorno degli ospiti sono a disposizione varie tipologie di strutture ricettive – alberghi, campeggi, B&B, appartamenti – per una vacanza a dimensione di famiglia.

www.visitvalsugana.it

Bandiera BLU d’Europa ai laghi di Levico e Caldonazzo! ultima modifica: 2015-05-14T07:27:29+02:00 da Redazione

Ama chi ti pare!

Next Story »

Michele Valentini. La poetica del volo libero

X