DAL 9 AL 24 SETTEMBRE TORNA TRANSART 2021

Il Festival che come consueto si snoda in vari luoghi dell’Alto Adige dal 9 al 24 Settembre riporta la vivacità delle arti in Alto Adige

con uno spettacolo che si annuncia pirotecnico, rumoroso ed arcaico, con lo scopo di stupire e conquistare il suo pubblico.

A cornice di TRANSART i luoghi più suggestivi e meno convenzionali dell’Alto Adige, dalle centrali idroelettriche ai magazzini industriali. Dalle cittadine e i prati all’ombra delle montagne, ai monasteri e ai luoghi ipertecnologici della nuova produttività contemporanea.

Concerti punk-rock, rivisitazioni western in salsa altoatesina, musica nelle serre e nelle fabbriche,

happening lunghi un giorno, un convegno di futurologia, performance nelle cucine, nelle piazze (con tanto di cabine telefoniche) e un omaggio ai vent’anni dalla morte di Iannis Xenakis.

Fra gli ospiti di questa edizione: la cantante Peaches, l’artista Isabel Lewis, Laurie Anderson, zeitkratzer ensemble,

Murcof & Sergi Palau, Sabrina Rattè e Aquarian and Sougwen Chen, Azione_Improvvisa, Manu Delago e tanti altri.

L’edizione numero 21 di TRANSART si apre il 9 settembre con Cranky Pants, spettacolo in prima mondiale, protagonista assoluta l’icona femminista, musicista, performer e cineasta PEACHES.

Definita infatti dal New York Times una ”vera eroine” dei nostri tempi, da oltre vent’anni quest’artista continua a esercitare una straordinaria influenza sulla cultura pop mainstream. Per l’occasione si esibirà con il collettivo di danza contemporanea CLUSTERFUCK.

PEACHES “Pussy Mask”

Proseguono poi due settimane di PURA TECHNO EXPERIENCE. Dalla culla della tecno di Berlino, del Kraftwerk,  agli spazi di Alperia S. Antonio di Bolzano dove rivive il genere con il progetto DAY RAVE dell’artista di Berlino Isabel Lewis in concerto dal 10 settembre. 15 giornate dedicate alla tecno experience un vero e proprio happening di installazioni, eventi e progetti educativi tutti da scoprire.

Non solo.

Nei luoghi simbolo dell’Alto Adige (11.09 – Renon, 12.09 – Monte San Vigilio, 14.09 – Museo Provinciale degli Usi e Costumi, Brunico), prende corpo Abkratzen 1, 2, 3 progetto per costruire un vero e proprio western.

L’estetica decadente e kitsch di questo genere cinematografico,

con le sue immagini liriche che lasciano poco spazio al parlato, è l’ingrediente perfetto per essere plasmato in musica:

al posto di un sovraffollato set, l’ensemble zeitkratzer costruisce un luogo basato sulla collaborazione fra discipline e sulla cooperazione con gli artisti e le comunità locali.

Focus del Format INAUDITO a Fondazione Antonio Dalle Nogare il 17 Settembre

ruota attorno all’arte di IANNIS XENAKIS, considerato una delle figure più tridimensionali del Novecento.

Iannis Xenakis – Orient-Occident

Guidati dal curatore Hannes Kerschbaumer,

ensemble chromoson e ensemble names affronteranno il repertorio del musicista e ingegnere greco naturalizzato francese che per tutta la sua esistenza costruì incredibili architetture pensate per dare casa alla musica.

Altro omaggio quello alla musica e le arti digitali di MUTEK, il suono della natura, Festival a base in Montreal, in scena il 12 settembre l’artista MANU DELAGO presenta Cicadian mentre il 21 Settembre il collettivo AZIONE_IMPROVVISA propone SEEDs.

A corollario performance immersive a temperature estreme e progetti nelle cucine, ma anche cinema, teatro di strada e poi ENERGIA, il secondo Congresso Futurologico. Chiude il 24 Settembre il concerto di Orchestra Haydn con un suo personale omaggio a Iannis Xenakis.

Tutte le info, il programma e i biglietti su www.transart.it.

[https://www.tdv.social/lunga-fine-estate-con-festival-e-percorsi-nel-gusto/]

Info autore /