Francesco Camin “La mia musica e un disco di semi con cui costruire un mondo migliore”

Una chitarra e note con parole che si combinano in modo fluido anche grazie ad un diploma al CET di Mogol da un lato, una laurea in Scienze Forestali e Ambientali dall’altra, Francesco Camin, cantautore trentino, ha ora trovato un modo per dare forma e creare un equilibrio fra queste sue due nature, passioni e lati caratteriali.

L’artista ha infatti lanciato la sua campagna crowdfunding per la realizzazione del suo nuovo disco i cui proventi saranno devoluti a favore della riforestazione e non solo, ma chi sosterrà l’operazione raccogliendo la sua sfida, sarà omaggiato da un speciale cofanetto in cui accanto al cd di musica riceverà anche un disco di semi, una sorta di “bomba di semi” con cui, nel proprio piccolo, rendere il mondo un posto migliore.

“Dopo il periodo che ho passato con il cantautore Dodicianni con cui mi sono esibito in tutta Italia e con cui ho lavorato in musica spalla a spalla-racconta Francesco Camin-mi sono fermato un momento per ritrovare il mio centro. Per farlo ho cercato il contatto con la natura e proprio durante questi momenti di simbiosi ho capito che a modo mio dovevo impegnarmi per rendere il mio mondo un posto migliore, un posto più umano e vivibile e che dovevo farlo preservando e difendendo la nostra Madre Terra che purtroppo la nostra società tende oggi a dimenticare “

La campagna crowdfunding è quindi stata lanciata sulla piattaforma https;//www,eppela.com al progetto franceso-camin-semina-le-note. Qui il cantautore spiega il progetto che si lega a Treedom, società che si occupa della riforestazione della Terra.  Camin sta infatti lavorando al suo disco di cui molti brani sono già in forma compiuta ed alcuni addirittura già registrati mentre altri sono in fase di elaborazione. Il tutto autoprodotto e sostenuto appunto con l’augurio di una fruttuosa campagna di Crowdfunding, mezzo con cui oramai molte iniziative si sostengono grazie alla partecipazione attiva delle persone

“Quello che volevo-spiega Camin-era che il messaggio non fosse passivo ma che attivasse un senso di responsabilità da parte di chi decide di sostenermi. Ecco che appunto raggiunto il tetto prefissato poi verrà omaggiato appunto di un segno tangibile che in proporzione al sostegno potrà essere di sola mia musica o del cofanetto con anche oltre al disco musicale appunto il disco di semi con cui contribuire attivamente alla natura”

Di suo Camin ha concordato nel devolvere parte del ricavato della vendita del disco, del merchandising e dell’attività live a Treetom con l’obiettivo di piantare un primo step di 100 nuovi alberi in otto Paesi in via di sviluppo. L’operazione oltre al risvolto ambientalista ha anche l’ambizione di aiutare a creare una micro imprenditoria locale. La natura ambientalista di Camin si traduceva già in tempi non sospetti quando pubblico la sua “Vorrei vivere sopra gli alberi” che nel 2013 gli valse la vittoria del Premio Lunezia Nuove Proposte a Roma. Lo stesso anno sfiorò l’ingresso a Sanremo Nuove Proposte arrivando alle selezioni finali. Camin ha pubblicato nel 2015 “Aria fresca” album portato in tour a livello nazionale. Un tour che lo ha visto accanto ad Andrea Dodicianni, musicista della provincia di Venezia, collaborazione da poco conclusa per lasciare spazio ai nuovi progetti.

credit foto Jacopo Salvi

Info autore /

Il team dinamico della redazione di tdv ti saluta! Entra anche tu a far parte del mondo tdv e del nostro nutrito gruppo di autori su tutto il territorio trentino. Ti aspettiamo!