fbpx
  • Page Views 789

Chimere abitano il Festival Pergine Spettacolo Aperto

Con quel titolo che ha in se il simbolo della speranza ma anche dell’utopia e allo stesso tempo richiama in zoologia l’essere che presenta in se più nature in una sorta di mosaico genetico, si presenta l’edizione 42 di Pergine Spettacolo Aperto 2017.

Dal 7 al 15 luglio, in nove giornate dense di appuntamenti dislocati su più di 12 location oltre che ”abitati” in incursioni urbane, il festival abbraccia la cittadina di Pergine interrogandosi sulla questione di genere ed identità, “che ben si sposa in un periodo storico dove i confini della propria identità sono messi in discussione e dove l’identità stessa della società si interroga su quale sia la propria forma” specifica Cristina Pietrantonio, co direttore artistico del festival con Carla Esperanza Tommasini che dall’anno prossimo ne prenderà in toto le redini.

Un festival in cui immergersi e denso di spunti e suggestioni con la possibilità di mettersi in discussione, partecipare, riscoprire, ma anche scontrarsi con posizioni forti come quello proposto da Codice rosso. Sicuramente l’occasione per molti artisti, come emerso durante la presentazione tenutasi ieri a Trento, di tirar fuori dal cassetto quell’idea o quel progetto che stava attendendo il momento propizio.

Questo quanto successo a Giuliana Musso, già più volte apprezzata in teatro dal pubblico trentino, che presenta proprio in anteprima al festival il suo “Odiare Meda” con quel sottotitolo “Il sogno del patriarcato” La Musso apre quindi le danza il 7 luglio per dare il là ad un programma fitto di forme e linguaggi oltre che formati, per un festival PSA che ha saputo ritagliarsi un posto nell’attenzione internazionale della critica di settore, tanto che si apre ad un pubblico che guarda non solo oltre i confini cittadini o provinciali, ma pure nazionali. “Non era facile creare un festival che esplorasse la questione di genere-dice la Tommasini-lo abbiamo fatto dando spazio all’esplorazione da più punti di vista”.

Spazio alle compagnie emergenti che nel caso di Tindaro Granata ha già all’attivo numerosi premi fra cui Ubu, Twister ed altri, per il suo “Geppetto Geppetto” che propone a Pergine sul tema della bi paternità. Compagnia Atopos invece indaga le variabili umane nel tema dell’ambiguità, mentre ha un sottofondo di teatro civile “isola e sogna” di Ateliersi che racconta le difficoltà in forma di donna in un’isola come Lampedusa all’ombra della crisi umanitaria in atto.

Infine ironico ed accattivante “DragPennyOpera” delle Nina’s Drag Queen’s che chiude il festival il 15 luglio. Spazio all’identità maschile e femminile con “Male/Female” una sorta di specchio messo in gioco per pubblici divisi in genere da Boris Bakal e Bacaci Sjenki, la loro nuova produzione.

Torna Open con i suoi spettacoli performativi fra cui “Wordless” dell’artista italo iraniana Mona Mohagheghi che scuce il filo del linguaggio violento contro le donne in una catarsi collettiva, “Diario Blu(e)” che invece ripercorre il proprio comming out adolescenziale di Titta Cosetta Raccagni.

E’ una delicata installazione quella di Clara Luiselli  mentre è un’installazione urbana immersiva quella del trentino Tobia Zambotti. In un’epoca multimediale immancabile l’apporto della tecnologia da cui nascono i lavori “Body Swap” del collettivo Beanothelab, ma anche il percorso di riscoperta di Collettivo Bergman dell’ex Ospedale Psichiatrico che tanto ha intrecciato la sua presenza con la cittadina. Infine la ricerca della propria identità e del proprio modo di comunicare è quello proposto da Dynamis con il suo “ID” ma anche da Federica Chiusole in “Regenerations” a cui è legato un contest.

PSA infine dedica due giornate al simposio internazionale con cui ha vinto un bando europeo, progetto capitanato da alcune realtà portoghesi con cui si indaga la relazione fra felicità e lavoro. Fra incontri e laboratori in un mix di indagine accademica ed artistica si cerca risposta a domande come Possiamo essere felici lavorando? Siamo più felici non lavorando? Cos’è l’ozio? Cosa vuol dire perdere tempo?. Il 14 e 15 luglio quindi se ne discute ma lo si vive pure quattro laboratori di cui “Fiel Work 2” costruzione e distruzione a ciclo continuo di un muro, ma anche un laboratorio sull’ozio di Christina Schulz, oppure sulla capacità di lasciarsi andare a livello fisico nella passività, così come la costruzione di una propria azienda ideale . La due giorni prevede la visione del docufilm di Apostolos Karakakis “Next Stop Utopia ossia l’autogestione di un’azienda in Grecia. Momenti di riflessione con tavole rotonde di cui “Happiness Calling” con esperti internazionali di vari settori e un momento di confronto sul progetto “Now” con i partner europei.

Chimere abitano il Festival Pergine Spettacolo Aperto ultima modifica: 2017-07-07T19:13:52+02:00 da Katja Casagranda
Katja Casagranda
Katja Casagranda insider della cultura spettacolo locale, freelance (traduzione che sta per molto free e sempre lanciata sul pezzo), quella giusta via di mezzo fra Lara Kroft e Paperetta Ye Ye, che in curriculum tiene pacchi di ritagli di giornale Trentino stipati e coccolati con amore materno come figli che prima o poi dovrà lasciar andare al loro destino.

E’ un Supercontinent quello che prende vita a Centrale Fies

Next Story »

Sarà “in…tolleranza Zero” l’autunno a Trento con Pucci

  • Formare una giunta questa sì che è una sfida 28 Settembre 2020
    Ci sono molti modi per costruire una giunta. C’è ad esempio il mitico manuale Cencelli. Il perfetto breviario della spartizione: un metodo inventato nel lontano 1967 dall’altrimenti anonimo funzionario democristiano Massimiliano Cencelli. Grazie al “manuale”, le percentuali raccolte dai partiti diventano sostanzialmente quote - da correggere con il peso specifico del singolo assessorato o ministero […]
    Zoppello
  • Parcheggiano nel piazzale e vanno a cena: l'auto però finisce nel fiume Noce 28 Settembre 2020
    Hanno lasciato la macchina nel parcheggio del ristorante per una serata di relax, ma nel mezzo della cena hanno scoperto che l'auto non c'era più: era finita nel torrente. Non è stato certo un sabato sera tranquillo per i due giovani - che si trovano in Trentino per la raccolta delle mele - che hanno […]
    Zoppello
  • Trump, lo scoop del New York Times «Non paga le tasse da anni» ma lui replica: «fake news» 28 Settembre 2020
    Donald Trump non ha pagato tasse federali sul reddito per almeno 10 degli ultimi 15 anni, e nel 2016 e 2017 ha sborsato solo 750 dollari per ciascun anno. E' lo scoop del New York Times, che ha ottenuto informazioni sulle dichiarazioni fiscali fatte negli ultimi 20 anni dal presidente americano. Uno scoop che rovina […]
    Zoppello
  • Per la morte dell'orsa KJ2 nel 2017 avviato il processo a Ugo Rossi animalisti protestano al Casteller 28 Settembre 2020
    Coppola chiede di ispezionare il recinto insieme a un veterinario Si tiene oggi la prima udienza del processo a carico dell’ex presidente della Provincia Ugo Rossi e del suo dirigente del Servizio Fauna, Maurizio Zonin, per la vicenda della morte dell’orsa KJ2 avvenuta il 12 agosto 2017 durante le operazioni di cattura sul Cornetto. Nonostante […]
    Zoppello
  • Cane cade in pozzo di 15 metri Salvato da Vigili del Fuoco 28 Settembre 2020
    Cade in un pozzo profondo 15 metri durante una battuta di caccia, ne esce indenne grazie al tempestivo intervento dei Vigili del fuoco di Campobasso. Protagonista dell'episodio, accaduto a Pietracatella (Campobasso), un cane da caccia. L'animale è stato tratto in salvo dalla squadra di Vigili del Fuoco Saf, specializzata nel soccorso speleo-alpino-fluviale. In zona anche […]
    r.moser@ladige.it
X