fbpx
  • Page Views 439

Chimere abitano il Festival Pergine Spettacolo Aperto

Con quel titolo che ha in se il simbolo della speranza ma anche dell’utopia e allo stesso tempo richiama in zoologia l’essere che presenta in se più nature in una sorta di mosaico genetico, si presenta l’edizione 42 di Pergine Spettacolo Aperto 2017.

Dal 7 al 15 luglio, in nove giornate dense di appuntamenti dislocati su più di 12 location oltre che ”abitati” in incursioni urbane, il festival abbraccia la cittadina di Pergine interrogandosi sulla questione di genere ed identità, “che ben si sposa in un periodo storico dove i confini della propria identità sono messi in discussione e dove l’identità stessa della società si interroga su quale sia la propria forma” specifica Cristina Pietrantonio, co direttore artistico del festival con Carla Esperanza Tommasini che dall’anno prossimo ne prenderà in toto le redini.

Un festival in cui immergersi e denso di spunti e suggestioni con la possibilità di mettersi in discussione, partecipare, riscoprire, ma anche scontrarsi con posizioni forti come quello proposto da Codice rosso. Sicuramente l’occasione per molti artisti, come emerso durante la presentazione tenutasi ieri a Trento, di tirar fuori dal cassetto quell’idea o quel progetto che stava attendendo il momento propizio.

Questo quanto successo a Giuliana Musso, già più volte apprezzata in teatro dal pubblico trentino, che presenta proprio in anteprima al festival il suo “Odiare Meda” con quel sottotitolo “Il sogno del patriarcato” La Musso apre quindi le danza il 7 luglio per dare il là ad un programma fitto di forme e linguaggi oltre che formati, per un festival PSA che ha saputo ritagliarsi un posto nell’attenzione internazionale della critica di settore, tanto che si apre ad un pubblico che guarda non solo oltre i confini cittadini o provinciali, ma pure nazionali. “Non era facile creare un festival che esplorasse la questione di genere-dice la Tommasini-lo abbiamo fatto dando spazio all’esplorazione da più punti di vista”.

Spazio alle compagnie emergenti che nel caso di Tindaro Granata ha già all’attivo numerosi premi fra cui Ubu, Twister ed altri, per il suo “Geppetto Geppetto” che propone a Pergine sul tema della bi paternità. Compagnia Atopos invece indaga le variabili umane nel tema dell’ambiguità, mentre ha un sottofondo di teatro civile “isola e sogna” di Ateliersi che racconta le difficoltà in forma di donna in un’isola come Lampedusa all’ombra della crisi umanitaria in atto.

Infine ironico ed accattivante “DragPennyOpera” delle Nina’s Drag Queen’s che chiude il festival il 15 luglio. Spazio all’identità maschile e femminile con “Male/Female” una sorta di specchio messo in gioco per pubblici divisi in genere da Boris Bakal e Bacaci Sjenki, la loro nuova produzione.

Torna Open con i suoi spettacoli performativi fra cui “Wordless” dell’artista italo iraniana Mona Mohagheghi che scuce il filo del linguaggio violento contro le donne in una catarsi collettiva, “Diario Blu(e)” che invece ripercorre il proprio comming out adolescenziale di Titta Cosetta Raccagni.

E’ una delicata installazione quella di Clara Luiselli  mentre è un’installazione urbana immersiva quella del trentino Tobia Zambotti. In un’epoca multimediale immancabile l’apporto della tecnologia da cui nascono i lavori “Body Swap” del collettivo Beanothelab, ma anche il percorso di riscoperta di Collettivo Bergman dell’ex Ospedale Psichiatrico che tanto ha intrecciato la sua presenza con la cittadina. Infine la ricerca della propria identità e del proprio modo di comunicare è quello proposto da Dynamis con il suo “ID” ma anche da Federica Chiusole in “Regenerations” a cui è legato un contest.

PSA infine dedica due giornate al simposio internazionale con cui ha vinto un bando europeo, progetto capitanato da alcune realtà portoghesi con cui si indaga la relazione fra felicità e lavoro. Fra incontri e laboratori in un mix di indagine accademica ed artistica si cerca risposta a domande come Possiamo essere felici lavorando? Siamo più felici non lavorando? Cos’è l’ozio? Cosa vuol dire perdere tempo?. Il 14 e 15 luglio quindi se ne discute ma lo si vive pure quattro laboratori di cui “Fiel Work 2” costruzione e distruzione a ciclo continuo di un muro, ma anche un laboratorio sull’ozio di Christina Schulz, oppure sulla capacità di lasciarsi andare a livello fisico nella passività, così come la costruzione di una propria azienda ideale . La due giorni prevede la visione del docufilm di Apostolos Karakakis “Next Stop Utopia ossia l’autogestione di un’azienda in Grecia. Momenti di riflessione con tavole rotonde di cui “Happiness Calling” con esperti internazionali di vari settori e un momento di confronto sul progetto “Now” con i partner europei.

Chimere abitano il Festival Pergine Spettacolo Aperto ultima modifica: 2017-07-07T19:13:52+00:00 da Katja Casagranda
Katja Casagranda
Katja Casagranda insider della cultura spettacolo locale, freelance (traduzione che sta per molto free e sempre lanciata sul pezzo), quella giusta via di mezzo fra Lara Kroft e Paperetta Ye Ye, che in curriculum tiene pacchi di ritagli di giornale Trentino stipati e coccolati con amore materno come figli che prima o poi dovrà lasciar andare al loro destino.

E’ un Supercontinent quello che prende vita a Centrale Fies

Next Story »

Sarà “in…tolleranza Zero” l’autunno a Trento con Pucci

La sai l’ultima?

  • LE DATE DEL DICIASSETTESIMA EDIZIONE DEL MERCATINO DI NATALE ASBURGICO DI LEVICO TERME.

    4 settimane ago

    L’evento prenderà il via sabato 24 novembre nel Parco Secolare degli Asburgo, entrato a far parte della rete dei Grandi Giardini Italiani nel 2016 a testimonianza del ...

    Read More
  • Una mostra di veri corpi umani. Succede a Trento.

    1 mese ago

    La mostra “Bodies Exhibition”, grazie a un’ampia collezione scientifica di circa 250 pezzi di esposizione anatomici preziosi dal punto di vista didattico, costituita da corpi umani, scheletri, ...

    Read More
  • “DESCANTABAUCHI… Verso Nuovi Incanti…”

    2 mesi ago

    “DESCANTABAUCHI...Verso Nuovi Incanti...” La creatività incontra il territorio 28 Ottobre 2018 - Gardolo di Trento

    Read More
  • Ultimo grande EXTRA Week End a Trento e la Baviera !

    2 mesi ago

    Si riparte venerdì 5 settembre alla grande con il live nella tendostruttura principale dove come sempre si potrà cenare insieme alla mitica birra Hb Traunstein con i ...

    Read More
  • Sta per tornare un altro week end targato Trento e la Baviera Oktoberfest

    3 mesi ago

    Si parte venerdì 28 settembre alle 19 con i nostri piatti tipici e le specialità orginali della cucina bavarese con il gruppo 4 KRYNER rigorosamente in live ...

    Read More
  • Caneve Aperte 2018 dei Cembrani D.O.C. – DA NON PERDERE!

    3 mesi ago

    Caneve Aperte 2018 dei Cembrani D.O.C. Sabato 13 ottobre Cembra ospita la quinta edizione della cena itinerante alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche del territorio.

    Read More
  • RUGGERO de I TIMIDI Prima assoluta del nuovo “GIOVANI EMOZIONI TOUR”

    3 mesi ago

    RUGGERO de I TIMIDI Prima assoluta del nuovo “GIOVANI EMOZIONI TOUR” RUGGERO DE I TIMIDI e la sua orchestra il 7 ottobre 2018 saranno a Trento e la Baviera ...

    Read More
  • Cosa cerchi?

    More
    X