fbpx

INFLUX: regola l’ingresso contingentato nei locali con la tecnologia!

La Fase 2 potrebbe segnare la fine delle code. Per sempre.

Nei prossimi mesi, hotel, ristoranti, centri commerciali e tutti gli esercizi pubblici dovranno garantire un accesso limitato a ogni locale, allungando inevitabilmente i tempi di attesa. Con la riapertura e già durante il lockdown, molti esercizi hanno dovuto dotarsi di misure di sicurezza straordinarie, tra cui l’ingresso contingentato nei locali. A norma di legge, infatti, in un locale di 40 m2, ora può essere presente un solo cliente alla volta. In questi mesi, a tutti è capitato di fare lunghe file fuori dal supermercato, o di essere stati invitati più o meno gentilmente a uscire da un negozio già troppo “pieno” di persone. Non è piacevole. Eppure, una volta entrati, ci siamo accorti che con il distanziamento sociale tutto è più a misura d’uomo: niente folla, ampi spazi, niente coda in cassa. Se solo si potesse evitare l’attesa all’ingresso, l’esperienza di acquisto diventerebbe addirittura migliore di com’era prima. Mascherine a parte. Ma il modo c’è.

Un’agenzia trentina di innovazione sta mettendo a punto un’applicazione per smartphone e tablet che permette agli imprenditori di tenere monitorato in ogni momento – come richiede la normativa – l’afflusso nei propri spazi: influxplus.it. Se il titolare di un hotel, per esempio, vuole rispettare le norme di sicurezza, è tenuto a sapere sempre quante persone ci sono al bar, al ristorante o nella hall, e a intervenire nel caso in cui venga superato il limite di legge. Nelle prime settimane di emergenza, questo ingrato compito è toccato al personale, che però si trovava contemporaneamente a servire i clienti e a svolgere funzioni di polizia, come quella di allontanare gli sfortunati clienti in eccesso e senza la possibilità di raccogliere prenotazioni.

«Grazie a un’app che gestisce i flussi di persone, il personale potrà tornare a servire i clienti, senza doversi preoccupare di far rispettare le norme» sostiene Mauro Vicentini, Chief Technology Officer dell’agenzia Archimede, con sede a Trento. «In una seconda fase di sviluppo a cui arriveremo a breve – continua il programmatore – l’app permetterà ai clienti di prenotare l’accesso, evitando inutili attese. L’app potrà dunque essere usata per comunicare ai clienti le norme di sicurezza o per fare la propria ordinazione dallo smartphone, senza toccare un menu cartaceo».

L’applicazione sarà dotata di due interfacce, una per il cliente e una per l’esercente. Il cliente potrà prenotare la visita e segnalare il proprio ingresso con lo smartphone, oppure con un tablet collocato all’esterno del locale, che garantirà il rispetto della fila da parte di chi è giunto senza prenotazione.

È chiaro che un sistema del genere servirà non solo a ridurre gli assembramenti nel breve termine, ma favorirà la pratica della prenotazione e dunque un afflusso più regolare ai locali, riducendo i picchi e i tempi di attesa. Il vantaggio sarà doppio, perché il cliente virtuoso non si troverà più a fare la fila e l’esercente non si troverà più a gestire momenti di ressa e di fiacca.

 

CREDITS: Ph https://unsplash.com/

SCOPRILA QUI 

INFLUX: regola l’ingresso contingentato nei locali con la tecnologia! ultima modifica: 2020-05-18T20:04:24+02:00 da Daniel Cerami
Daniel Cerami
Sono il Willy Wonka delle Idee. Ogni notte sforno idee e strategie per aiutare i miei clienti e il mio blog [TDV] a farsi strada in questa grande fucina chiamata WEB. Sognatore per natura, amo camminare scalzo appena posso.

RECENSIONI E COMMENTI SU FACEBOOK: Togli il giocattolo che fa Rumore al bambino ed otterrai il silenzio.

Next Story »

FESTE VIGILIANE 2020

X