fbpx
  • Page Views 255

Influencer: schiavi del terzo millennio?

Schiavi di una presenza online h24, schiavi di una connessione continua, di un mostrare incessante, siamo sicuri che quello dell’influencer sia veramente un dream job?.

Sempre pronti, sempre vestiti, sempre in promozione, sempre a “culo di gallina” per sfamare la nostra voglia di modellarci su qualcuno attraverso scarpe, indumenti e gioielli.

E ancora: schiavi di aziende che li vogliono onnipresenti, schiavi di noi che vogliamo osservarli perennemente, ovunque si trovino, schiavi del denaro che scorre a fiumi, come criceti sulla loro ruota che aspettano solo che gli sguardi dei padroni si trasformino in compensi sonanti grazie alle “impression-anti” masse di schiavisti che li sfruttano in ogni momento.

Schiavi di una società che li ha convinti che questo sia il lavoro più bello del mondo, che li ha spinti a rinunciare alla loro privacy, al libero arbitrio, a quello dei loro figli, messi alla mercé di tutti e senza possibilità di scelta.

Schiavi di un tempo che finirà, schiavi di un sistema che li ha imprigionati in una gabbia dorata in cui noi lanciamo noccioline quotidiane per nutrire il loro ego.

Schiavi, come tutti del resto, finiti nella grande rete chiamata internet.

Influencer: schiavi del terzo millennio? ultima modifica: 2020-01-13T12:25:05+02:00 da Daniel Cerami
Daniel Cerami
Sono il Willy Wonka delle Idee. Ogni notte sforno idee e strategie per aiutare i miei clienti e il mio blog [TDV] a farsi strada in questa grande fucina chiamata WEB. Sognatore per natura, amo camminare scalzo appena posso.

Sicilia: invasione di Orsi!

Next Story »

Trento: Pizza Show con il maestro Santucci di AVPN

X