Botanica: scienza e musica si incontrano e danno spettacolo

Nella Notte Verde a Rovereto ha risuonato nell’aria di Piazza Umberto Savoia “Botanica”. Il progetto che lega musica e divulgazione scientifica nasce dall’idea di Aboca con i Deproducers, collettivo musicale formato da quattro musicisti e produttori ossia Vittorio Cosma, Gianni Maroccolo, Riccardo Sinigallia, Max Casacci, che dopo il successo di “Planetario”, hanno ideato assieme allo scienziato Stefano Mancuso “Botanica”. Ed è Vittorio Cosma che inquadra il progetto ed invita il pubblico ad un’esperienza scientifica emozionale

 

Come nasce il progetto Deproducers?

Nasce dall’esigenza di alcuni musicisti di dedicarsi alla creazione musicale al di là dei canoni in cui spesso viene ingabbiata quando si riferisce alla forma canzone o colonna sonora. Abbiamo iniziato con un primo capitolo dedicato all’astrofisica. Alla scrittura musicale libera abbiamo affiancato un front man scienziato. Volevamo un canovaccio inopinabile ed oggettivo come quello della scienza. Quindi un incontro fra il dato rigoroso scientifico e l’emotività suscitata dalla musica.

L’ispirazione musicale arriva dal “suono della natura”?

No, nulla di tutto ciò. Il suono arriva dalla produzione musicale delle nostre personalità sonore. Quindi si incontra con la conferenza scientifica che nel caso di “Botanica” è affidata ad uno dei maggiori scienziati, Stefano Mancuso. Da un lato quindi musica di qualità ed evocativa che crea emozione, dall’altro la sicurezza di imparare qualcosa di importante, anche grazie all’emozione caricata dalla musica. Quindi non interpretiamo la scienza ma mettiamo rigore scientifico anche nella creazione musicale.

Una lezione spettacolo?

Un concerto aumentato con lezione scientifica che ogni volta stupisce anche noi, poiché ogni volta aggiunge nozioni o insegna qualcosa di nuovo. La lezione non è mai del tutto uguale e si addentra nei meandri delle leggi scientifiche che sono affascinante grazie a rigore ed oggettività

Deproducers è un collettivo di forti personalità, come si concilia il lavoro?

C’è un pezzetto di Subsonica, di Elio e Le Storie Tese. Di solito la musica nasce da un’idea orchestrale che è il mio mondo poi Sinigallia aggiunge qualche elemento distorto che racconta il suo mondo. A questo punto Casacci che è più attento alla modernità aggiunge quel tocco che è vicino a quello che si sente a Berlino in questo momento lavorando con il sintetizzatore mentre Maroccolo ci riporta al suo mondo rock e va giù di accordi. La ricerca è quella di uscire dagli schemi classici. E ogni data viene pianificata per portare avanti contemporaneamente tutti gli impegni collaterali dei tanti progetti che ciascuno di noi coltiva con altre formazioni o in solitaria.

In futuro?

Un libro, un video e molto altro tutto legato a questo progetto che piace, sopratutto a noi che lo facciamo, ma anche al pubblico che ci segue e si appassiona

Info autore /

Il team dinamico della redazione di tdv ti saluta! Entra anche tu a far parte del mondo tdv e del nostro nutrito gruppo di autori su tutto il territorio trentino. Ti aspettiamo!