fbpx
  • Page Views 149

Se bene vuoi mangiare devi saper aspettare!

No Banner to display

Le cose, per essere fatte bene, hanno bisogno di tempo e soprattutto amore.

Quando prendo del tempo per me, pretendo di avere il mio tempo, pretendo di non aver fretta e pretendo sempre da me stesso di vivere dei momenti atti a farmi dimenticare la frenesia di un quotidiano che mi mette sempre alle griglie di partenza e mi fa correre tutto il giorno.
Ma poi dove corriamo?

Per questo oggi ho deciso di parlarvi di un posto che è diventato uno dei “miei posti nel mondo”: Acquaefarina.

Acquaefarina è una pizzeria napoletana, con vera pizza verace, nata qualche anno fa e che oggi offre ai propri clienti anche l’opportunità di assaporare la cucina napoletana attraverso una “trattoria ricercata” con prodotti campani di alta qualità.

Il locale ha appena subìto un restyling radicale, passando da una sorta di Bar Sport di paese a un locale di design, piacevole e accogliente. Oltre a questo ha vissuto anche una Rebranding, di cui si è occupata l’agenzia per cui lavoro. Abbiamo creato un nuovo logo, un nuovo approccio comunicativo, una nuova identità visiva che può piacere come no. Sono gusti personali, come sono gusti personali quelli in cucina per ognuno di noi.

Dunque la mia esperienza è prettamente personale, ho adorato la loro pizza solo dopo averla capita perché inizialmente non capivo quale fosse la differenza tra una pizza classica e una napoletana. Solitamente preferisco le pizze croccanti, non troppo fine, che rimangono in fetta. Bene, la pizza di Acquaefarina non è così, dunque se vi aspettate la solita pizza avete sbagliato posto.

Ph_ Gabriele Dalla Costa

Ecco il decalogo di come dev’essere la pizza napoletana secondo l’ASSOCIAZIONE VERACE PIZZA NAPOLETANA, a cui Acquaefarina si è potuta affiliare solo dopo aver adottato tutti i requisiti:

Pizza
La pizza è un prodotto artigianale, quindi potrebbe presentare delle piccole differenze da pizzeria a pizzeria.

Impasto
L’impasto della pizza è realizzato solo con acqua, sale, lievito e farina ed è fatto lievitare per un minimo di 8 ore.

Manipolazione
Il disco di pasta viene steso esclusivamente con le mani. Tale manipolazione determina lo spostamento dell’aria dal centro verso l’esterno del panetto che resta più gonfio ed in cottura forma il cornicione.

Prodotti
I prodotti utilizzati devono essere preferibilmente di origine campana.
• Il pomodoro pelato deve essere frantumato a mano, deve risultare non denso e con alcuni pezzi di pelato ancora presenti.
• Il pomodoro fresco deve essere tagliato a spicchi
• La mozzarella di bufala (tagliata a fettine) o il fior di latte (tagliato a listelli) vanno distribuiti uniformemente
• Il formaggio grattugiato (se usato) verrà sparso sulla pizza con movimento rotatorio e uniforme.
• Le foglie di basilico fresco sono poste sui condimenti.
• L’olio extra vergine di oliva viene aggiunto con movimento a spirale.
Oltre a margherita e marinara, la Vera Pizza Napoletana prevede altre tipologie di pizze realizzate con ingredienti della tradizione gastronomica italiana.

Ph_ Gabriele Dalla Costa

Cottura
La cottura dovrà avvenire direttamente sul piano del forno a legna, non in teglia, per 60-90 secondi.

Qualità di cottura
La pizza deve essere facilmente ripiegabile su se stessa (a libretto) con il cornicione di 1-2 cm, gonfio, di colore dorato e privo o con pochissime bolle e bruciature. Sollevando da un lato la pizza, la parte inferiore dovrà essere anch’essa dorata e priva di bruciature evidenti.

Aspetto
La pizza deve essere tonda, di diametro non superiore ai 35cm, con il bordo rialzato (cornicione) e la parte centrale spessa max 4mm. Nel centro spicca il rosso del pomodoro, cui si è amalgamato l’olio e, nella marinara, il verde dell’origano e il bianco dell’aglio, nella margherita, il bianco della mozzarella e il verde delle foglie di basilico.

Aroma olfattivo
La pizza appena sfornata ha:
• il profumo del pane fresco
• i sentori aciduli del pomodoro, e della mozzarella
• il flavour fruttato e piccante dell’olio e dell’aglio
• l’erbaceo del basilico fresco e dell’origano.

Gusto e Armonia
La pizza, dal gusto intenso e armonico, ha il sapore caratteristico del pane ben cotto, mescolato al sapore acidulo del pomodoro, al sapido della mozzarella, al fresco del basilico, all’amaro e piccante dell’olio extra vergine e dell’aglio.

Valore nutrizionale
La pizza è il piatto simbolo della dieta mediterranea.
• Margherita: Valore energetico con un panetto da 250gr. circa 800 Kcal
• Marinara: Valore energetico con un panetto da 250gr. circa 550 Kcal.

Fonte https://www.pizzanapoletana.org/it/decalogo

Ph_ Gabriele Dalla Costa

Ok, se sei consapevole di questo e non ti aspetti la pizza croccante, puoi andare a mangiarla. Bada però, come scritto inizialmente in questo articolo non devi aver fretta! Il forno a legna contiene al massimo 4 pizze, i posti a sedere sfiorano i 150 coperti ed è sempre piena di gente! Dunque, anche quanto leggi “tempi di attesa infiniti” nelle recensioni di TripAdvisor, ricordati che se tu avessi detto a tua nonna di sbrigarsi a fare lo spezzatino e il ragù nella pentola a pressione per velocizzare il tutto, ti avrebbe sicuramente risposto con qualcosa di irripetibile!
Se hai fretta, non ci andare, ci sono altre pizzerie che ti mettono il pepe al culo per liberare in fretta il tavolo e far mangiare qualcun altro, qui l’ansia scordatela, mettiti calmo e intanto assaggia qualcosa della cucina, parla con i tuoi commensali e beviti qualcosa.

Tutto chiaro?
Daniel Cerami

Se bene vuoi mangiare devi saper aspettare! ultima modifica: 2019-10-11T15:27:22+01:00 da Daniel Cerami
Daniel Cerami
Sono il Willy Wonka delle Idee. Ogni notte sforno idee e strategie per aiutare i miei clienti e il mio blog [TDV] a farsi strada in questa grande fucina chiamata WEB. Sognatore per natura, amo camminare scalzo appena posso.

Trento come Montecarlo: arriva la Formula E con Massa!

Next Story »

Trentino: i 15 migliori ristoranti dove mangiare

X