“Rotolando verso la Sicilia”

Respirare il sud a pieni polmoni, abbandonandosi al ritmo lento di un’isola che merita tutto il mio rispetto per la grande bellezza che nasconde dietro i pregiudizi [di noi nordici] che spesso siamo abituati ad avere.

Una volta arrivati qui la parola d’ordine è “Rilassati”!

Già, perché i ritmi sono completamente l’opposto dei nostri, non devi aver fretta e non devi stressarti, ti devi abbandonare all’onda lenta e calda dell’estate siciliana, dove il pranzo delle 12 diventa quello delle 15, l’aperitivo delle 18 quello delle 21 e la cena della 19 slitta alle 23 [se va bene]

Già “fottitinne Cumpà”, qui si vive per vivere, non si vive solo per lavorare sempre, ma come è giusto che sia e come dovrebbe essere per tutti ovunque nel mondo. Riprendiamoci la nostra vita, smettiamola di piegarci ad una società che ci vuole chini e stressati ma soprattutto convinti che l’unica cosa che conta sia il dover offrire il nostro tempo solo a questo.

Ogni siciliano con cui ho parlato, che ho conosciuto, praticamente sa tutto della sua terra. Questo ci insegna e mi ha aiutato già anni fa a comprendere meglio anche la “mia” di terra.

Dopo questa premessa vi porto con me e la mia “Big Family”, alla scoperta di quest’isola in chiave “non turistica”, e non starò sicuramente ad elencarvi tutte le migliorie che potrebbero apportare al marketing, all’arredo urbano, alla gestione di strade e autostrade, perché si, le condizioni sono al limite, l’asfalto praticamente è ghiaccio da quanto è consumato e le infrastrutture come i trasporti praticamente non esistono.

Ma da un lato penso che, anche con il nostro turismo, possiamo far comprendere alle istituzioni dell’Isola che è arrivato il momento di fare qualcosa di concreto, in primis per i propri abitanti costretti ancora oggi a rifornirsi di acqua attraverso autopompe  ma soprattutto privi di servizi primari come i trasporti pubblici ad esempio.

Appena arrivati, Mario è venuto a prenderci all’aereoporto di Palermo e ci ha subito portati nella spiaggia di Guida Loca. Siamo vicino ad Alcamo e Castellamare, praticamente a due passi dalla famosa riserva dello Zingaro con la sua tonnara e i faraglioni che scopriremo un po’ più avanti, nella provincia di Trapani.

 

 

A Guida loca troverete un paio di piccoli lidi molto interessanti, noi ci siamo fermati al Lido Torre di GuidaLoca per fare un bagno ristoratore e bere qualcosa…questa foto forse vi renderà l’idea del tramonto che abbiamo visto…

 

Prima “dimora” al piccolo porto di Castellammare a “Casa Vacanze Gorgonia“,  per poi spostarci a metà settimana sul monte Bonifato a casa di Mario e Lucia.

Castellammare è un piccolo paese che si inerpica lungo le strade e le rocce con le sue caratteristiche abitazioni e le anziane che verso il tardo pomeriggio si mettono con una sedia sulla porta di casa a farsi aria con la gonna, mentre gli anziani “giocano” sui marciapiedi all’ombra delle strade.


Qui trovate dei buoni ristoranti ma soprattutto il Vogue Bar dove serate e aperitivi non mancano mai! Da scoprire assolutamente anche i panifici di questa isola, panifici che sfornano TRE volte al giorno [mattina-pomeriggio – sera] bontà di ogni tipo!

 

Proseguendo la nostra settimana, dove aver affittato una Renault Twingo da ADAP autonoleggi ad Alcamo [www.adapitalia.com] che vi consiglio caldamente per il trattamento e servizio,  ci siamo diretti verso la spiaggia di Cala Mazzo di Sciacca, un’altra meta assolutamente da non perdere. Per raggiungerla seguite questa cartina

 

 

Lo spettacolo che trovate è questo…le sensazioni che sentirete le potrete capire solo voi…;)

Andando avanti un’altra tappa da non perdere nelle vicinanze è sicuramente Il tempio di Segesta, un tempio greco dell’antica città di Segesta sito nell’area archeologica di Calatafimi Segesta, comune italiano della provincia di Trapani in Sicilia. Per entrare bisogna lasciare l’auto in un parcheggio poco distante, prendere il bus navetta e pagare un ticket.

Se volete prendervi qualcosa di veramente gustoso nelle vicinanze e spendere poco, potete andare all’Antica casa del Pane in via Seghetta,12 a Calatafimi Segesta, che si trova poco più avanti dopo aver visitato il tempio.

Ma il nostro viaggio continua, questa volta rimaniamo vicini a Castellamare, sulla spiaggia di Alcamo Marina dove si trova il lido Tyrrhenian Beach Village con i suoi gazebi di legno che vi offriranno una comodità e uno spettacolo da non perdere!

Ma ora arriviamo al clou del nostro breve viaggio di sei giorni con le ultime due tappe che sono state la degna conclusione di un percorso solare e appagante: la gita in gommone ai faraglioni nella riserva dello Zingaro e la spiaggia di San Teodoro vicino alle saline di Trapani.

Venerdì, le bambine e il piccolo grande Marcolino sono al settimo cielo per la gita in gommone con capitano Mario.

Il mare anche se un po’ mosso era splendido, una volta preso il largo via verso “La Tonnara di ScoPello” dove a dominare la scena ci sono i faraglioni con la loro immensa bellezza immersi nelle sue acque cristalline…

Dopo aver ormeggiato il gommone, maschera pinne e via…alla scoperta di questo angolo di paradiso…

L’indomani, nostro ultimo giorno di permanenza, altra gita e altro paradiso come preannunciato verso la spiaggia di San Teodoro.

La spiaggia si trova qui:

 

Lo scenario che si presenta posso dire di non averlo trovato nemmeno in Costa Rica: acqua cristallina, spiaggia meravigliosa, le isole di Favignana e Levanzo all’orizzonte e….

La magia che si respira qui ti rapisce,

le orme si cancellano sulla sabbia con il passaggio delle onde

lasciando lontano il passato e tracciando nuove distese infinite verso il futuro…

Con questo breve post spero di avervi messo la voglia di partire, mentre se volete vedere qualche foto e video in + su questa Sicilia da vivere vi invito ad andare sul mio canale Instagram QUI

 

 

 

“Rotolando verso la Sicilia” ultima modifica: 2017-07-18T17:15:15+00:00 da Daniel Cerami
Daniel Cerami
Sono il Willy Wonka delle Idee. Ogni notte sforno idee e strategie per aiutare i miei clienti e il mio blog [TDV] a farsi strada in questa grande fucina chiamata WEB. Sognatore per natura, amo camminare scalzo appena posso.
Daniel Cerami

Latest posts by Daniel Cerami (see all)

Tutti abbiamo una scintilla di follia. Tanti di noi la spengono per non vedere oltre. Psychiatric Circus – la nostra recensione

Next Story »

I volti della comunicazione della 37°edizione di Drodesera

La sai l’ultima?

  • Halloween Dinner Party

    4 settimane ago

    Una maschera maledetta ha intrappolato la sua anima tra le mura del castello facendola diventare una furia immacolata. Nella notte più tenebrosa dell’anno gli invitati parteciperanno a ...

    Read More
  • 38^ Festa della Castagna

    1 mese ago

    38^ FESTA DELLA CASTAGNA Roncegno Terme - vie del centro

    Read More
  • Il Giallo nel Giallo: un aperitivo speciale!

    1 mese ago

    Share this on WhatsAppIl Moscato protagonista di una serata a tema GIALLO con la partecipazione della scrittrice Alessia Nanni K. che con alcuni interventi ci farà entrare ...

    Read More
  • Festa d’Autunno e Festa della Zucca

    1 mese ago

    A Pergine Valsugana nel Parco Ai Tre Castagni, molte di queste zucche saranno in mostra della Festa della Zucca. Il programma prevede l’allestimento di bancarelle per ...

    Read More
  • Fiera di San Luca

    1 mese ago

    Nata come fiera del bestiame, che a conclusione della stagione estiva in malga veniva ricondotto nei paesi della valle, oggi la fiera – organizzata da un comitato ...

    Read More
  • Festival della polenta

    2 mesi ago

    Il Festival della Polenta di Storo 2017 si allarga alla vicina Val Sabbia con la Polenta Tiragna dopo l’esordio lo scorso anno della Polenta di patate della ...

    Read More
  • CALA UN TRIS DI ASSI PER LA GRANDE CHIUSURA IL FESTIVAL TRENTO E LA BAVIERA.

    2 mesi ago

    Il fine settimana sotto la tento-struttura di via Innsbruck Interporto Doganale a Trento Nord inizia venerdì 6 ottobre con due fra le più quotate Tribute Band nazionali ...

    Read More
  • Cosa cerchi?

    More
    X